il suo progetto: Mindsharing.tech

Aldo Pergjergji

“L’educazione non può essere esclusiva, non può essere un previlegio degli status sociali più alti. Vogliamo che l’educazione sia accessibile a tutti, che tutti abbiano delle opportunità uguali e che possano competere nella società nello stesso modo.”


Aldo Pergjergji è il presidente di Mindsharing.tech, una realtà no-profit romana che si impegna ogni giorno a ideare e creare delle attività ultra-inclusive di coding e robotica destinate a tutti i livelli scolastici. Alla base di queste attività, c’è la profonda convinzione che un’educazione di qualità passi prima di tutto attraverso un contesto inclusivo che consenta a tutti di accedere alle stesse opportunità, senza nessuna discriminazione.

Condividi questo contenuto