13 – CLIMATE ACTION

OBIETTIVO 13 – CLIMATE ACTION

La crisi climatica continua senza sosta mentre la comunità globale si allontana dal pieno impegno richiesto per la sua inversione. L’anno 2019 è stato il secondo più caldo mai registrato e la fine del decennio più caldo (2010-2019), portando con sé enormi incendi, uragani, siccità, inondazioni e altri disastri climatici in tutti i continenti. Le temperature globali sono sulla buona strada per aumentare fino a 3,2 ° C entro la fine del secolo. Per raggiungere l’obiettivo massimo di 1,5 ° C – o anche di 2 ° C – previsto dall’accordo di Parigi, le emissioni di gas serra devono iniziare a diminuire del 7,6% ogni anno a partire dal 2020. Tuttavia, nonostante la drastica riduzione dell’attività umana dovuta a la crisi COVID-19, il conseguente calo del 6% delle emissioni previsto per il 2020 non è all’altezza di questo obiettivo e si prevede che le emissioni aumenteranno con la rimozione delle restrizioni.

Se il mondo non agisce ora e con forza, gli effetti catastrofici del cambiamento climatico saranno di gran lunga maggiori dell’attuale pandemia. I governi e le imprese dovrebbero utilizzare le lezioni apprese e le opportunità derivanti da questa crisi per accelerare le transizioni necessarie per raggiungere l’Accordo di Parigi e il Sendai Framework for Disaster Risk Reduction 2015-2030, ridefinire il nostro rapporto con l’ambiente e apportare cambiamenti sistemici e trasformativi diventare economie e società a basse emissioni di gas serra e resistenti ai cambiamenti climatici.

Condividi questo contenuto

Fonte: https://sdgs.un.org/goals/goal13

Approfondimenti: