L’Agenda 2030

L’Agenda 2030

Obiettivi di sviluppo sostenibile

Un piano d’azione per le persone, il Pianeta e la prosperità. È l’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, sottoscritta il 25 settembre 2015 da 193 Paesi delle Nazioni unite, tra cui l’Italia, per condividere l’impegno a garantire un presente e un futuro migliore al nostro Pianeta e alle persone che lo abitano

L’Agenda globale definisce 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals – SDGs nell’acronimo inglese) da raggiungere entro il 2030, articolati in 169 Target, che rappresentano una bussola per porre l’Italia e il mondo su un sentiero sostenibile. Il processo di cambiamento del modello di sviluppo viene monitorato attraverso i Goal, i Target e oltre 240 indicatori: rispetto a tali parametri, ciascun Paese viene valutato periodicamente in sede Onu e dalle opinioni pubbliche nazionali e internazionali. 

L’Agenda 2030 porta con sé una grande novità: per la prima volta viene espresso un chiaro giudizio sull’insostenibilità dell’attuale modello di sviluppo, non solo sul piano ambientale, ma anche su quello economico e sociale, superando in questo modo definitivamente l’idea che la sostenibilità sia unicamente una questione ambientale e affermando una visione integrata delle diverse dimensioni dello sviluppo.

Le cinque “P” dello sviluppo sostenibile

  1.      Persone. Eliminare fame e povertà in tutte le forme, garantire dignità e uguaglianza.
  2.      Prosperità. Garantire vite prospere e piene in armonia con la natura.
  3.      Pace. Promuovere società pacifiche, giuste e inclusive.
  4.      Partnership. Implementare l’Agenda attraverso solide partnership.
  5.      Pianeta. Proteggere le risorse naturali e il clima del pianeta per le generazioni future.

Approfondimenti: